18mq L'Uomo Che Cambierà il Mondo

L’uomo che cambierà il mondo – Lo Zucchero del Caffè (4)

Lo sapevo. Lo sapevoooo. Ho poche certezza ma una è che sono sempre d’accordo con Gramellini. Il Caffè di oggi si intitola “La cameriera scomparsa” e racconta di come sia stato difficile, anzi impossibile per un ristoratore di Brescia trovare una cameriera. Nonostante davanti al suo ristorante ci sia una scuola alberghiera con 900 iscritti.

La decisione di Gramellini di non scrivere più su La Stampa e di passare al Corriere, è stata la decisione del Mondo Migliore di passare al Corriere. Grazie alla sua lucidità, senso di concretezza e soprattutto semplicità di esposizione, riesce a dare una visione obiettiva delle cose, senza pregiudizi, senza ma e però, senza cercare colpe ma sempre le cause.

Un’altra regola scritta del Mondo Migliore è “Non si cercano colpe ma sempre e solo cause”.

Gramellini non è mai aggressivo, nelle sue parole è evidente la sua intelligenza mentale ed emotiva. Accetta la situazione ma suggerisce, suggerisce non indica, sempre una soluzione o almeno la necessità di prenderne coscienza. Come ha fatto oggi.

Soprattutto oggi sono d’accordo con lui. È incredibile, ma trovare una cameriera italiana, un cameriere italiano è difficilissimo. Attenzione, non ho volutamente scritto “brava cameriera o bravo cameriere”. Oggi è difficilissimo trovare un italiano disposto a lavorare nel weekend, lavorare fino a notte inoltrata. Ancora più difficile trovarlo che dica sempre buongiorno, buonasera, benvenuto, cosa posso servirle e che magari lo sappia dire anche in inglese. Qualcuno che sappia fare accoglienza. Noi italiani abbiamo il fondo schiena pesante.

È inutile fare il miglior caffè della città se poi non ti viene servito con il sorriso. Il sorriso è lo zucchero del caffè, è quella cosa che lo rende veramente speciale.

Lo Zucchero del Caffè è anche la scritta che sovrasta la lavagna vicino al bancone. Su questa lavagna, io, Ettore o chi capita, attacca il pezzo di pagina strappata con il Caffè di Gramellini e scrive il primo commento. La regola qui è “il commento deve essere sempre e solo positivo”. Deve essere dolce come lo zucchero. Come lo Zucchero del Caffè.

Scrivere quel primo commento, penso che sia la cosa più difficile che si faccia dentro il Mondo Migliore. Trovare qualche cosa di negativo su tutto è facilissimo, trovare qualche cosa di positivo implica esperienza, forte motivazione al voler migliorare le cose, distacco e soprattutto tanto coraggio. Scrivere quel primo commento non si può fare da soli, c’è bisogno di aver condiviso. C’è bisogno di aver commentato insieme il Caffè con qualcuno di speciale.

Oggi a commentare Gramellini c’eravamo, io, Ettore, Tiago e Margherita. Oggi un gran gruppo di commento, con la visone di uno che ha girato il mondo in lungo e in largo come Tiago e di Margherita che è l’assistente di volo del Mondo Migliore. Quella che in molti direbbero la cameriera di un Mondo Migliore, ovviamente non avendo idea di quello che dicono sia a riguardo del ruolo di Margherita sia a riguardo del ruolo di una cameriera.

Questo gruppo di commento è fra quelli che preferisco. Io e Ettore siamo quasi sempre allineati. Tiago e Margherita sono quasi sempre allineati. I due allineamenti vedono le cose quasi sempre in modo diverso, ma senza conflitto. È un gruppo di commento ben allenato e oliato, quindi il risultato è sempre allargare e condividere un nuovo modo di vedere le cose.

Si, Lo Zucchero del Caffè è una delle cose più belle della mia vita. Ne esco sempre arricchito, sicuro che le cose si possano fare, e soprattutto felice. Voglio un sacco di bene a Ettore, Tiago e Margherita. Quel bene di sorrisi, occhi lucidi, abbracci e dolce nostalgia quando non ci vediamo anche solo per qualche giorno. Sono fortunato, Mondo Migliore, la mia vita è piena di persone così.

Questo gruppo di commento funziona particolarmente bene perché ci vogliamo un sacco di bene, ci rispettiamo e soprattutto apprezziamo le diverse capacità di ognuno di noi e accettiamo i difetti. Accettiamo i difetti perché sappiamo che niente è perfetto, tanto meno noi. Accettiamo i difetti degli altri perché prima siamo stati capaci di accettare i nostri di difetti, o almeno cerchiamo di accettarli.

L’umiltà è la dote base per poter crescere, migliorare. Solo grazie all’umiltà, alla consapevolezza che la nostra visione del monto è solo la nostra limitata visione del mondo, possiamo ascoltare le parole degli altri con cuore e mente aperta per poterle fare nostre, per poter rendere un pò meno limitata la nostra visione del mondo.

Un’altra regola del Mondo Migliore è: “si cresce ascoltando e parlando con le persone a cuore e mente aperta, e leggendo libri in cui ci si riesce a immedesimare nel protagonista”. Per il secondo punto al Mondo Migliore c’è La Biblioteca del Cuore e delle Mente.

Noi quattro, siamo molto diversi. Io concreto visionario, Ettore sognatore del reale, Tiago tutto esperienza ed emozioni e Margherita donna intelligente. Punto. Cioè per fare Margherita, cioè una donna intelligente, ci vogliono almeno tre uomini di medio alto spessore intellettuale ed emotivo.

Ettore ha scritto: “Vivere è una scelta consapevole per la felicità. La vita vera è un percorso di crescita, che si può fare solo con la consapevolezza che si parte dal basso e che sarà impegno, fatica e consapevole felicità del fare per crescere, per migliorare. Per lo scalatore la felicità non è essere in cima, sono i passi che lo portano alla cima la sua felicità, la sua realizzazione. Per lo scalatore la cima è la soddisfazione di aver raggiunto l’obiettivo attraverso il suo impegno e sforzo di ogni passo. Se non fosse così, lo scalatore si farebbe portare direttamente in cima con un elicottero. Che tu sia scalatore, cameriere, commessa, impiegato, presidente degli Stati Uniti d’America o Papa sarai felice solo se ti impegnerai per crescere, per migliorare in quello che fai ogni istante della tua vita, in quello che vuoi essere. Più parti dal basso è più avrai una vita piena di felicità e soddisfazioni. Cercasi cameriera/e ambiziosa/o di felicità”

Un commento su “L’uomo che cambierà il mondo – Lo Zucchero del Caffè (4)

  1. Francesca

    Cioè per fare Margherita, cioè una donna intelligente, ci vogliono almeno tre uomini di medio alto spessore intellettuale ed emotivo.

    Commento di un uomo intelligente. Molto.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: